Home

Questa è una quelle storie destinate a cambiare l'esistenza di un uomo e con lui quella di una città, di una regione.
Ciò che è avvenuto nel lontano 1863 ha il sapore di una leggenda, che ben presto è divenuta realtà, tanto da dare l'avvio ad un'industria affermatasi poi in tutto il mondo: l'industria della fisarmonica.
Un pellegrino austriaco, di ritorno dal santuario di Loreto, chiese ospitalità per la notte presso un casolare nella campagna di Castelfidardo. Aveva con sè una rudimentale ''scatola'' che emetteva dei suoni. Nel casolare abitavano Antonio e Lucia Soprani con i loro figli.
Tra questi, Paolo, ragazzo ricco di ingegno e interessato alla musica, rimase particolarmente colpito da questa scatola, che sembrava essere nient'altro che la copia del ''accordeon'' brevettato nel 1829 dal viennese Demian.
Poco importa come lo strumento finì nelle mani di Paolo: c'è chi racconta che gli fu donato dal viandante in segno di ringraziamento per l'ospitalità ricevuta, chi invece che sia stato comprato, e chi, addirittura, dice che durante la notte, mentre tutti dormivano, Paolo prese a smontare lo strumento per studiarlo nei minimi particolari. Fatto sta che da quel giocattolo e dalla geniale intuizione di Paolo, da lì a poco sarebbe nata a Castelfidardo l'industria italiana della fisarmonica.
Nel 1864 Paolo, con l'aiuto dei suoi fratelli, aprì una piccola bottega sotto casa. Dopo qualche anno, per motivi di spazio, si trasferì in una casa più grande, assumendo altri operai. Le prime ''armoniche'' prodotte vennero vendute nelle fiere e nei mercati dei paesi vicini, in particolare a Loreto, luogo d'incontro di pellegrini, ambulanti e commercianti. Paolo vi si recava personalmente a mostrare i propri prodotti e presto divenne un ottimo esecutore.
Nel 1872 si trasferì al centro di Castelfidardo dove aprì una fabbrica in piazza Garibaldi.
Lo strumento fu accolto con grande successo, specialmente in campagna dove i contadini in festa ballavano danze popolari. La popolarità dello strumento cresceva velocemente anche nei vicini paesi europei, come la Francia. Alla fine del 19° secolo, ''l'armonica'' iniziò ad essere esportata negli altri continenti, in particolare in America, dove gli emigranti italiani alleviavano il peso della nostalgia di casa con il dolce suono dello strumento. Per far fronte al maggior numero di ordini, occorrevano locali più ampi, occorreva aumentare gli operai, organizzare la produzione e creare un ufficio commerciale. Per questo motivo Paolo, insieme ai suoi figli Luigi ed Achille, aprì una nuova fabbrica a Castelfidardo, dove lavoravano circa 400 persone.
Nel 1900 la ditta ottenne un grande successo alla fiera di Parigi; Paolo divenne membro dell'Accademia degli Inventori di Bruxelles e Parigi e incontrò persino il presidente francese. Continuò a lavorare in ditta fino all'età di 70 anni, quando i suoi figli presero la direzione. Morì nella sua casa il 20 febbraio 1918 all'età di 73 anni.
}